BodyPart-2

DISMISURA (2015) ovvero j’ai pas d’ autre choix

progetto artistico di Antonio Montanile

La verità va esagerata perché risulti credibile (Joan Fuster – Giudizi Universali 1960/1968)

Esagerare è una forma di creatività che appartiene all’arte. E l’arte è l’espressione delle emozioni, esagerare fa bene, è un esercizio delle passioni, dalle quali veniamo sempre più allontanati dalla realtà analgesica in cui viviamo (Oliviero Toscani – Non sono obiettivo 2004)

L’Arte stessa è una forma di esagerazione (O.Wilde – Intenzioni 1891)

Ogni eresia è l’esagerazione mostruosa di un aspetto della verità (Mircea Eliade – Il mito della reintegrazione 1942)

L’esagerazione come limite, un luogo fisico e mentale in cui si possa andare all’eccesso di un linguaggio che permetta poi di scendere nell’essenziale del gesto, del movimento e dell’azione. L’iperbole della dismisura come un atteggiamento più fisico che mentale, in cui il gesto si esaspera e l’azione si reitera fino alla sua estrema estensione, per poter arrivare ad una sorta di Big Ben in cui l’uomo, “denudato” del suo esagerato comportamento, riprenda possesso della semplicità della concretezza che essa può essere senza orpelli ed aggiunte esterne.

▪    coreografia e interpretazione: Antonio Montanile

▪    regia del suono: Flavia Massimo

▪    disegno luci: Danila Blasi

▪    scenografia: Edoardo Gaudieri

produzione: GRUPPO e-MOTION con il contributo del Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Abruzzo e  del Comune dell’Aquila

partner: Accademia di Belle Arti dell’Aquila (IT)

residenze:

Workspace Brussel (BE)

Inteatro Polverigi (IT)

CND Paris (FR)

CLAPS (IT)

con il sostegno di Inteatro Polverigi (IT)

Special thanks:

La Raffinerie, Charleroi Danses, Brussels (BE)

Erika Zueneli, Cie Lyeus, Paris (FR)

Un grazie anche a tutte le persone che mi hanno sostenuto, creduto in me per poi abbandonare il progetto lasciandomi in balia di questo mondo favoloso che è Dismisura